Legge contro il mobbing e pensioni per donne e esodati

Parliamo di mobbing e pensioni, dobbiamo farlo. Perché sembra che il Governo non preveda emendamenti alla Manovra attuale per tutelare le pensioni di esodati, licenziati, donne e altre fasce socialmente e economicamente deboli.

Speravamo tutti che il Governo rendesse, tramite tali emendamento, la Manovra più socialmente giusta e solidale. Recuperando errori, ingiustizie e sperequazioni degli anni scorsi. In primis la legge Fornero, che pure a nostro avviso sarebbe da abolire. Essere arrivati ad oltre sessantamila firme alla Petizione per una Legge contro il mobbing e misure di sostegno per le vittime.  è un traguardo importante. Che però rischia di essere solo apparenza, se il Governo non ci darà ascolto. Così come non da ascolto a quanto pare ad altre istanze civili e sociali.

Siamo in sessantamila a non volere più il mobbing. E saremo pure di più, speriamo, nelle prossime settimane. Non speravamo che qualche politico ci contattasse per questo, e non ci siamo sbagliati. Lo faremo quindi noi stessi, pure attraverso iniziative che annunceremo su queste pagine e sui social. Ad oggi è la Giustizia Italiana, attraverso La Suprema Corte e i Tribunali di Primo Grado e di Corte d’Appello e i Magistrati, stanno supplendo all’inspiegabile assenza nel nostro paese di una Legge contro il mobbing. Grazie di nuovo a tutti, andiamo avanti determinati. Paolo Centofanti direttore Fede e Ragione – direttore SRM. Petizione per una Legge contro il mobbing e misure di sostegno per le vittime.

Comments

comments