Fede e ragione: fake news, televisione, cinema, social, segnalate

Come noto il nostro obiettivo non è solo parlare correttamente e criticamente di del rapporto tra fede e ragione.

Il nostro è un progetto culturale e di studio, che vuole fare informazione e parlare su tutto ciò che è società, lavoro, ambiente, arte, cultura, cinema, economia. Non andiamo oltre con l’elenco, che è potenzialmente infinito, e che “esclude”, per modo di dire, solo aspetti più scientifici e accademici del rapporto tra scienza e fede. E tra le mission del progetto Fede e Ragione c’è l’analisi critica dei mezzi di comunicazione, di intrattenimento  e di informazione giornalistica: social compresi.

Abbiamo quindi anche l’obiettivo di individuare eventuali fake news, e farne debunking. E di criticare eventuali distonie, errori o distorsioni di  informazione e comunicazione. Studiando e analizzando eventuali autentici casi mediatici. Con un maggiore interesse alle principali fonti giornalistiche, alle fonti istituzionali, e ai principali stakeholders su web, social, televisione. Senza però dimenticare contenuti editoriali e comunicativi e personaggi meno rilevanti. Interessanti però per la rilevanza di temi trattati, per interazioni, o per la particolare cattiva qualità di informazione e comunicazione.

Studiamo e non condizioniamo il dibattito sociale e culturale.

Anche con Fede e Ragione, quindi, individueremo eventuali fake news, e ne faremo un attento debunking. E ne trarremo casi di studio, che pubblicheremo da questa settimana come articoli. E tra qualche tempo faranno parte di apposite pubblicazioni, scientifiche e non. E saranno affrontati in apposti incontri. Con l’unico vincolo di essere obiettivi, equilibrati e imparziali, come giornalisti e ricercatori. Il nostro obiettivo infatti non è guidare il dibattito sociale e culturale. Noi lo studiamo e le descriviamo, e quando e come opportuno lo critichiamo.

Senza necessariamente dimenticare – e senza però nascondere – l’eventuale orientamento di pensiero di ognuna delle persone che collaborano e collaboreranno al progetto. La critica può essere accompagnata – e non guidata né condizionata – dalle proprie opinioni.

L’invito a segnalare casi mediatici, fake news e distorsioni della comunicazione su scienza e fede

Per fare tutto ciò, contiamo anche sulle segnalazioni dei nostri lettori. Stiamo quindi creando in questi giorni un form tramite il quale potrete segnalarci eventuali fake news, casi mediatici, errori, strumentalizzazioni e distorsioni della comunicazione e dell’informazione. Parliamo di programmi tv, notizie e altri contenuti televisivi, di qualsiasi network o emittente. E di siti web, influencer, profili e pagine social, post o interazioni che a vostro avviso risultino false, inopportune, strumentali, sgradevoli, offensive, etc. .

Comments

comments