Innovazione: 520 milioni per i grandi progetti di ricerca e sviluppo

Termina domani il periodo utile per le imprese per avviare la procedura di richiesta di agevolazioni per grandi progetti di innovazione, ricerca e sviluppo

Il periodo temporale era iniziato martedì 8 ottobre 2019, come stabilito dai due decreti pubblicati dal MiSE, Ministero dello Sviluppo Economico. I decreti “disciplinano le modalità e i termini per la presentazione delle domande relative ai due bandi emanati lo scorso 2 agosto”. Per finanziare i grandi progetti di ricerca e sviluppo sono stati stanziati 519 milioni di euro, nelle due differenti aree previsti dai bandi, rispettivamente per 190 milioni di euro e 329 milioni di euro.

Il primo bando – per complessivi 190 milioni di euro – è destinato a sostenere progetti coerenti con la Strategia nazionale di specializzazione intelligente. Le aree tecnologiche previste sono Agrifood, Calcolo ad alte prestazioni, Fabbrica intelligente e Scienze della vita. Il bando è rivolto “alle imprese che svolgono attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria in tutto il territorio nazionale”. Prevista inoltre una riserva di 50 milioni specifica per le regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia.

Il secondo bando – per complessivi 329 milioni di euro – è indirizzato a progetti di innovazione e sviluppo nelle aree Agenda digitale e Industria sostenibile, su tutto il tutto il territorio nazionale. Il bando prevede inoltre una “particolare attenzione” nelle misure di sostegno, per progetti “riconversione dei processi produttivi nell’ambito dell’economia circolare”.

Come specificato sul sito ufficiale del MiSe, l’iter di presentazione delle domande di agevolazioni è articolato in due differenti fasi. La prima – dall’8 al 10 ottobre 2019 – prevede la pre compilazione delle domande di accesso alle agevolazioni.  La seconda, il 12 e 26 novembre 2019, sarà invece dedicata alla presentazione formale delle relative domande di agevolazioni.

Vedi pure, dal sito web del Ministero dello Sviluppo Economico

Comments

comments