Il Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti contro le liti temerarie

L’Ordine dei Giornalisti lotta da anni per contrastare il fenomeno delle liti temerarie.

Esposti e denunce, e cause penali o civili, formalizzati con il solo obiettivo di intimidire o condizionare un cronista o un giornale, o di ricattarli. Per impedire ad esempio che verità scomode vengano pubblicate, o che si denuncino illegalità, corruzione e malaffari.  Denunce e procedimenti strumentali, dicevamo, che causano pure un notevole appesantimento strumentale dell’apparato giudiziario del nostro paese. Nel mese di maggio il CNOG – Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, ha promosso un gruppo di interventi su tale grave questione.

Il Cnog si è riunito a Roma il 16 maggio scorso, e ha approvato all’unanimità questo testo, che ha guidato l’incontro della giornata. “Il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, considerando l’abnorme numero di iniziative giudiziarie temerarie il cui scopo è quello di colpire la libertà di stampa, si impegna a mettere in campo strumenti idonei allo scopo di sostenere i giornalisti oggetto di azioni legali intimidatorie. Tali strumenti dovranno essere adeguati alla natura giuridica dell’Ordine. Il Cnog, inoltre, promuove su questo tema un’azione coordinata con gli altri enti di categoria.”

Comments

comments