Giornale Online Fede e Ragione. Direttore Paolo Centofanti

Innovazione e ricerca

Coronavirus: Nature, studio sul trattamento con Remdesivir

La rivista scientifica Nature ha pubblicato oggi uno studio sul trattamento di Covid-19 con il farmaco Remdesivir.

Lo studio è stato effettuato sui macachi, con un dosaggio equivalente a quello utilizzato nell’uomo. Mostra un rallentamento della progressione della malattia nei macachi contagiati da Covid-19, e la capacità di ridurre la carica virale e prevenire le malattie polmonari. I risultati, spiegano gli autori della ricerca, portano ulteriore sostegno “all’utilizzo precoce del trattamento con remdesivir in pazienti con COVID-19 per prevenire la progressione verso la polmonite”.

Come noto, il Remdesivir ha un’ampia attività antivirale ed è stato dimostrato efficace contro le infezioni da SARS-CoV e MERS-CoV in modelli animali. Il Remdesivir è attualmente in fase di sperimentazione in studi clinici sull’uomo per il trattamento di COVID-19. Lo studio è stato pubblicato nell’articolo Clinical benefit of remdesivir in rhesus macaques infected with SARS-CoV-2. Vantaggio clinico di remdesivir nei macachi rhesus infetti da SARS-CoV-2. DOI 10.1038 / s41586-020-2423-5.

Gli autori spiegano che è difficile “tradurre direttamente i tempi del trattamento utilizzati nelle corrispondenti fasi della malattia nell’uomo”, perché i macachi di rhesus di solito sviluppano la malattia in forma lieve, a differenza degli esseri umani.  Dalla ricerca è però emerso che il trattamento con remdesivir di COVID-19 “deve essere iniziato il prima possibile per ottenere il massimo effetto del trattamento”.

Nello studio effettuato sono stati utilizzati due differenti gruppi di sei macachi rhesus, a cui era stato inoculato SARS-CoV-2. Un gruppo è stato trattato con remdesivir 12 ore dopo, ovvero “vicino al picco di replicazione del virus nei polmoni”, e ha ricevuto il trattamento per sei giorni, ogni 24 ore. I macachi di questo gruppo non hanno avuto malattie respiratorie e hanno avuto danni ridotti ai polmoni.

Inoltre, “le cariche virali nel tratto respiratorio inferiore sono state ridotte negli animali trattati”, ovvero “circa 100 volte più basse nel tratto respiratorio inferiore dei macachi trattati con remdesivir 12 ore dopo la prima dose”. Dopo tre giorni dall’inizio dell’infezione non era possibile rilevare il virus, che era invece attivo in quattro macachi del gruppo di controllo.

Asbtract e autori dell’articolo Nature.

Autori: Brandi N. Williamson, Friederike Feldmann, Benjamin Schwarz, Kimberly Meade-White, Danielle P. Porter, Jonathan Schulz, Neeltje van Doremalen, Ian Leighton, Claude Kwe Yinda, Lizzette Pérez Pérez, Atsushi Okumura, Jamie Lovaglio, Patrick W. Hanley, Greg Saturday, Catharine M. Bosio, Sarah Anzick, Kent Barbian, Tomas Cihlar, Craig Martens, Dana P. Scott, Vincent J. Munster e Emmie de Wit.

Abstract: Sono urgentemente necessarie terapie efficaci per il trattamento di COVID-19. Mentre sono stati suggeriti molti farmaci sperimentali, approvati e riproposti, i dati preclinici da modelli animali possono guidare la ricerca di trattamenti efficaci escludendo i trattamenti senza efficacia in vivo. Remdesivir (GS-5734) è un profarmaco analogico nucleotidico con ampia attività antivirale1,2, che è attualmente studiato in studi clinici COVID-19 e recentemente ha ricevuto l’autorizzazione all’uso di emergenza dalla Food and Drug Administration americana 3,4. In modelli animali, il trattamento con remdesivir si è dimostrato efficace contro l’infezione da MERS-CoV e SARS-CoV. 2,5,6 In vitro, remdesivir ha inibito la replicazione del SARS-CoV-2.7,8 Qui, abbiamo studiato l’efficacia del trattamento con remdesivir in un macaco di rhesus modello di infezione da SARS-CoV-29. Contrariamente agli animali trattati con i veicoli, gli animali trattati con remdesivir non mostravano segni di malattie respiratorie e presentavano una riduzione degli infiltrati polmonari sulle radiografie e una riduzione dei titoli virali nei lavaggi broncoalveolari 12 ore dopo la prima somministrazione del trattamento. La diffusione del virus dal tratto respiratorio superiore non è stata ridotta dal trattamento con remdesivir. Alla necroscopia, le cariche virali polmonari di animali trattati con remdesivir erano più basse e c’era una riduzione del danno ai polmoni. Pertanto, il trattamento terapeutico con remdesivir iniziato precocemente durante l’infezione ha avuto un beneficio clinico nei macachi rhesus con infezione da SARS-CoV-2. Sebbene il modello del macaco di rhesus non rappresenti la malattia grave osservata in una percentuale di pazienti COVID-19, i nostri dati supportano l’inizio precoce del trattamento con remdesivir nei pazienti COVID-19 per prevenire la progressione verso la polmonite.

Link Nature.

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: