Giornale Online Fede e Ragione. Direttore Paolo Centofanti

Alert e emergenze

Nature: materiale genetico di Coronavirus nell’aria

La presenza nell’aria di materiale genetico di Coronavirus SARS-CoV-2 è descritta in uno studio pubblicato oggi dalla rivista scientifica Nature.

Lo studio è stato realizzato da ricercatori dell’Università di Wuhan, e “presenta prove della presenza di SARS-CoV-2 RNA nell’aria”. Nature Research spiega che “questo è un manoscritto inedito che è stato accettato per la pubblicazione”. Nature Research spiega anche che “sta pubblicando questa prima versione del manoscritto come servizio ai nostri autori e lettori”. L’articolo sarà successivamente revisionato “prima di essere pubblicato nella sua forma finale”. Natura sottolinea che “durante il processo di produzione possono essere rilevati errori che potrebbero influire sul contenuto” e applica quindi “tutte le dichiarazioni di non responsabilità legali”.

Materiale genetico di Coronavirus in aree pubbliche e due ospedali di Wuhan. Sanificare e limitare il numero di persone.

L’articolo annuncia che “il monitoraggio ambientale di due ospedali e alcune aree pubbliche di Wuhan, in Cina, rivela punti di crisi per l’RNA virale nell’aria”, però ad oggi “non è stato valutato se questo materiale abbia il potenziale di infezione”. Nonostante le “dimensioni del campione” analizzato “siano piccole (meno di 40 campioni da 31 posizioni), i risultati supportano l’idea che un’accurata sanificazione, una buona ventilazione e l’eliminazione della folla possano ridurre il rischio di esposizione al virus nell’aria”.

Fino ad oggi, spiegano i ricercatori, “le modalità di trasmissione dell’RNA SARS-CoV-2 all’uomo comprendono il contatto ravvicinato con individui infetti, il contatto con superfici contaminate o l’inalazione di goccioline rilasciate dal sistema respiratorio delle persone con il virus”. Ad oggi non è chiaro se il Coronavirus SARS-CoV-2 possa trasmettersi nell’aria.

Le tracce di Coronavirus SARS-CoV-2 negli ospedali e nelle aree utilizzate da medici e infermieri per rimuoversi i dispositivi di protezione.

I ricercatori hanno utilizzato, tra febbraio e marzo 2020, delle trappole per aerosol installate “in due ospedali designati dal governo per il trattamento di pazienti con COVID-19, la malattia causata dall’infezione SARS-CoV-2”. Le strutture sanitarie erano  “un ospedale terziario di grado A per pazienti con malattia grave e un ospedale da campo – ovvero uno stadio convertito – per pazienti con sintomi lievi.” Gli autori delle studio spiegano che la concentrazione di Coronavirus SARS-CoV-2 “nei reparti con pazienti ventilati era generalmente molto bassa”, e attribuiscono tale situazione “a un efficace isolamento e un elevato scambio d’aria”.

Al contrario, “i servizi igienici dei pazienti, che non erano ventilati, presentavano concentrazioni elevate di RNA virale nell’aria”. I ricercatori di Wuhan hanno pure scoperto che l’RNA di Coronavirus SARS-CoV-2 “era particolarmente concentrato nelle aree dove medici e infermieri si recano per togliersi i propri dispositivi di protezione. Ciò “suggerisce che gli aerosol carichi di virus possono rimanere in sospensione nell’aria pure dopo che tali dispositivi sono stati rimossi”.

Fortunatamente, una maggiore attenzione alla sanificazione può risolvere i problemi. L’articolo spiega che “dopo aver aumentato l’accuratezza e la frequenza degli sforzi di sanificazione, non è stata trovata alcuna prova rilevabile dell’RNA SARS-CoV-2 nell’aria, nelle aree del personale medico”.

Le concentrazioni di RNA di Coronavirus SARS-CoV-2nelle aree pubbliche, residenziali e commerciali.

Anche se “le concentrazioni di SARS-CoV-2 RNA in aree pubbliche al di fuori degli ospedali come edifici residenziali e supermercati, erano generalmente basse”, sono state però rilevate alte concentrazioni di SARS-CoV-2 RNA in “due aree soggette al passaggio di grandi folle, tra cui uno spazio all’aperto vicino a uno degli ospedali”.

Per gli scienziati proprio “le persone infette da SARS-CoV-2 all’interno di queste aree affollate potrebbero aver contribuito agli aerosol virali”. Lo studio, spiega l’articolo pubblicato su Nature, non ha potuto valutare ad oggi “se l’RNA SARS-CoV-2 ha il potenziale per essere infettivo”. Allo stesso tempo, l’accesso e la presenza limitati di persone negli ospedali “durante il picco dell’epidemia, ha limitato il numero di campioni che potevano essere prelevati”. Tuttavia . sottolineano i ricercatori dell’Università di Wuhan, lo studio mostra la la necessità  di sterilizzare completamente “i potenziali punti caldi per aerosol carichi di virus” di avere, “ospedali ben ventilati”, e di evitare il più possibile folle e assembramenti di persone, “per ridurre il rischio di infezione”.

Abstract dell’articolo pubblicato su Nature: Aerodynamic analysis of SARS-CoV-2 in two Wuhan hospitals. Analisi aerodinamica di SARS-CoV-2 in due ospedali di Wuhan.

L’attuale epidemia di COVID-19 si è diffusa rapidamente su scala globale. Mentre la trasmissione di SARS-CoV-2 attraverso goccioline respiratorie umane e contatto diretto è chiara, il potenziale per la trasmissione di aerosol è poco compreso1–3. Questo studio ha studiato la natura aerodinamica di SARS-CoV-2 misurando l’RNA virale negli aerosol in diverse aree di due ospedali Wuhan durante l’epidemia COVID-19 a febbraio e marzo 2020. La concentrazione di RNA SARS-CoV-2 negli aerosol rilevata in i reparti di isolamento e le stanze dei pazienti ventilati erano molto bassi, ma erano elevati nelle aree del gabinetto dei pazienti. I livelli di SARS-CoV-2 RNA nell’aria nella maggior parte delle aree pubbliche non erano rilevabili se non in due aree soggette ad affollamento, probabilmente a causa di portatori infetti nella folla. Abbiamo scoperto che alcune aree del personale medico inizialmente avevano alte concentrazioni di RNA virale con distribuzioni delle dimensioni dell’aerosol che mostravano picchi di dimensioni submicrometro e / o supermicrometro, ma questi livelli sono stati ridotti a livelli non rilevabili dopo l’implementazione di rigorose procedure di sanificazione. Sebbene non abbiamo stabilito l’infettività del virus rilevato in queste aree ospedaliere, proponiamo che SARS-CoV-2 possa avere il potenziale per essere trasmesso tramite aerosol. I nostri risultati indicano che la ventilazione della stanza, lo spazio aperto, la sanificazione dell’abbigliamento protettivo e l’uso e la disinfezione adeguati delle aree del bagno possono limitare efficacemente la concentrazione di SARS-CoV-2 RNA negli aerosol. I lavori futuri dovrebbero esplorare l’infettività del virus aerosol.

Articolo Aerodynamic analysis of SARS-CoV-2 in two Wuhan hospitals. Analisi aerodinamica di SARS-CoV-2 in due ospedali di Wuhan. DOI 10.1038 / s41586-020-2271-3. Pubblicato su Nature Lunedì 27 aprile 2020. Autori: Yuan Liu, Zhi Ning, Yu Chen, Ming Guo, Yingle Liu, Nirmal Kumar Gali, Li Sun, Yusen Duan, Jing Cai, Dane Westerdahl, Xinjin Liu, Ke Xu, Kin-fai Ho, Haidong Kan, Qingyan Fu e Ke Lan. Link Nature.

Immagine: CDC Alissa Eckert, MS; Dan Higgins, MAM – Dal Centers for Disease Control and Prevention’s Public Health Image Library – PHIL.

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: