Giornale Online Fede e Ragione. Direttore Paolo Centofanti

Alert e emergenze

Coronavirus – Covid19: ISS, non esistono prove di contagio da animali da compagnia

L’istituto Superiore di Sanità ha spiegato sul proprio sito web che ad oggi non vi sono prove di contagio da Coronavirus – Covid19 causato da animali da compagnia.

Lo ha precisato domenica 1 marzo 2020 sul sito ISS Umberto Agrimi, direttore del Dipartimento sicurezza alimentare, nutrizione e sanità pubblica veterinaria dell’Istituto Superiore di Sanità.

Agrimi cita il caso segnalato il 28 febbraio 2020 dalle autorità di Hong Kong, ovvero dall’Hong Kong Agriculture, Fisheries and Conservation Department – AFCD. Sono state trovate tracce del SARS-CoV-2 su un cane appartenente ad una donna contagiata. L’animale non mostra però sintomi della malattia Covid-19. L’Organizzazione Mondiale della Sanità sta attualmente cercando di capire “se la debole positività al test diagnostico riscontrata nel cane fosse dovuta ad una reale infezione ovvero ad una contaminazione occasionale”.

Agrimi spiega pure che ad ogg “non si può escludere che all’origine della positività del cane vi sia la malattia della proprietaria”. E che, per ragioni puramente precauzionali, il CDC – Centers for Disease control and prevention – Centro per il controllo delle malattie degli Stati Uniti, suggerisce alle persone contagiate da SARS-CoV-2 di limitare il contatto con gli animali”. Allo stesso modo in cui è opportuno che le persone contagiate da Coronavirus o affette da Covid19 evitino baci, o condivisione persone del proprio nucleo familiare. Questo il link delle indicazioni del Centers for Disease control and prevention.

“Al momento – conclude Agrimi – non esistono prove che dimostrino che animali come cani o gatti possano essere infettati dal SARS-CoV-2, né che possano essere una fonte di infezione per l’uomo”.

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: