Scienze sociali e comportamento: l’onestà nella cultura bancaria

Le scienze sociali mostrano la propensione di dipendenti di istituti bancari ad essere più disonesti quando pensano alla propria professione. Tale dinamica comportamentale non si verificherebbe allo stesso modo in altre professioni. Allo stesso tempo, spiegano gli autori, è emersa la difficoltà scientifica, per le scienze sociali, di capire quanto effettivamente la maggiore o minore disonestà dei dipendenti delle banche sia determinata dalla loro professione. Realizzato da Zoe Rahwan, Erez Yoeli e Barbara Fasolo, lo studio mostra anche la necessità di approcci scientifici complessi e più articolati rispetto a quelli definiti ad oggi. Appare opportuno sviluppare metodi scientifici più raffinati,[…]

Read more

L’Agenzia Italiana del Farmaco sui farmaci contenenti ranitidina

Pubblichiamo nota ufficiale dell’Agenzia Italiana del Farmaco, che annuncia la necessità di ritirare alcuni farmaci contenenti ranitidina, e ne spiega la ragione. Da oggi iniziamo a pubblicare regolarmente, come avevamo anticipato,  segnalazioni di alert e altri avvisi – periodici o urgenti – su eventuale emergenze, quali appunto ritiri e avvisi su farmaci, avvertenze e emergenze sanitarie, minacce e rischi informatici, calamità naturali e altri eventi climatici estremi. L’avviso AIFA è di qualche giorno fa, lo pubblichiamo comunque per completezza di informazione e per la delicatezza della questione. Con le stesse modalità, come anticipato, segnaleremo pure eventuali fake news – bufale[…]

Read more

Cassazione: vessazioni psicologiche sul lavoro sono mobbing anche se non dolose o sistematiche

Nuova importante Sentenza della Corte di Cassazione sul mobbing e sulle vessazioni psicologiche sul lavoro. La Cassazione continua ad innovare e a dare ai lavoratori nuovi strumenti di tutela e di difesa contro il fenomeno mobbing. Fenomeno che in Italia appare frequente e problematico più che in altri paesi. Causando costi sociali, economici e aziendali difficilmente quantificabili. Purtroppo, è noto, ad oggi non esiste nel nostro paese una Legge anti mobbing, come invece accade in molte nazioni, europee e non. Esiste però una proposta di Legge contro il mobbing – vedi testo integrale su Fede e Ragione – che potrebbe[…]

Read more

Salute e benessere sono collegati al tempo che passiamo nella natura

La connessione tra salute e benessere e il tempo trascorso nell’ambiente naturale è nota da anni. Da uno studio realizzato in Gran Bretagna arrivano ulteriori prove. La ricerca sul rapporto tra natura, salute e benessere, è stato pubblicato il 13 giugno 2019 su Scientific Reports con il titolo Spending at least 120 minutes a week in nature is associated with good health and wellbeing. Trascorrere almeno 120 minuti a settimana in natura è associato a buona salute e benessere. Scientific Reports 9, Article number: 7730, 2019. DOI: 10.1038 / s41598-019-44097-3. Gli autori di questo nuovo studio sono Mathew P. White, Ian[…]

Read more

Salute: carattere e doti individuali aumentano durata e qualità della vita

Le proprie caratteristiche individuali influiscono su salute e qualità di vita, in particolare negli anziani Lo dimostrerebbe uno studio realizzato negli Stati Uniti su un campione di 8.843 individui, con una età tra i 50 e i 102 anni. Sono state esaminate cinque differenti life skills, capacità cognitive e relazionali, che determinano il modo in cui ci si pone come individuo e nelle relazioni sociali. A maggiori capacità, corrisponderebbero maggior benessere e salute, maggiore reddito, relazioni sociali più importanti e durature. Con ovvi riflessi quindi sulla qualità della vita e della salute degli ultra cinquantenni. La ricerca, condotta da Andrew Steptoe – University[…]

Read more
sentenza

Lavoro: perché una Sentenza non vuol dire rinuncia

Una delle fake news, o bufale, che gira molto sulle dinamiche relazionali e legali tra azienda e dipendenti, è quella per cui spesso si sente dire che quella certa società, trovandosi in un contenzioso legale formalizzato in Tribunale con uno o più propri dipendenti, abbia preferito rinunciare a far valere le proprie ragioni – e il Giudizio si sia concluso perciò favorevolmente per il dipendente o i dipendenti stessi. Una sorta di grazia, per presunta liberalità aziendale, che per qualche strana ragione beneficia il dipendente interessato, garantendogli la vittoria. In realtà, si tratta di una “bufala giuridica”, potremmo dire, o[…]

Read more