Giornale Online Fede e Ragione Direttore Paolo Centofanti

Alert e emergenze

Covid-19: ridotta immunità contro Omicron

Coronavirus SARS-CoV-2

Covid-19: Nature, ridotta immunità contro Omicron.

Efficacia ridotta degli anticorpi provocati dal vaccino o dall’infezione contro la variante SARS-CoV-2 Omicron, rispetto ad altre varianti. Ne parla un articolo sulla rivista scientifica Nature, sottoposto a revisione paritaria. Gli individui precedentemente guariti da Covid-19 possono comunque beneficiare della vaccinazione.

La variante Omicron – spiega l’articolo Nature – sembra essere più contagiosa di Delta, che ha superato in poche settimane per diventare la variante circolante dominante in diversi paesi e aree urbane. L’ipotesi è che mutazioni multiple nei geni della proteina spike influenzino le risposte immunitarie, sebbene la variazione dell’immunità possa dipendere dallo stato di vaccinazione o da una precedente infezione.

Per comprendere il potenziale di Omicron per eludere gli anticorpi neutralizzanti indotti dall’infezione e/o dalla vaccinazione, Florian Krammer e colleghi valutano gli effetti dei sieri di sangue di 85 individui contro la variante Delta e Omicron.

I sieri sono stati raccolti da individui con vari livelli di immunità (vaccinati, potenziati, infetti e loro combinazioni) come segue: 15 individui convalescenti (precedentemente infetti), individui vaccinati due volte con Pfizer-BioNTech (10) o Moderna (10), individui vaccinati tre volte (potenziato) con Pfizer-BioNTech (10) o Moderna (10), individui convalescenti che hanno ricevuto due dosi di Pfizer-BioNTech (10) o Moderna (10) e individui convalescenti vaccinati tre volte (potenziati) con Pfizer- BioNTech (10).

L’attività neutralizzante dei sieri di individui convalescenti o doppiamente vaccinati era non rilevabile o molto bassa contro la variante Omicron. I campioni di individui che hanno ricevuto due dosi di Pfizer-BioNTech o Moderna hanno mostrato una riduzione di almeno 23 volte e 42 volte dell’attività di neutralizzazione, rispettivamente, contro Omicron rispetto al wild-type o Beta SARS-CoV-2. La riduzione dell’attività per gli individui potenziati (dose tripla) è stata di 7,5 volte per Pfizer-BioNTech e 16,7 volte per Moderna. L’attività neutralizzante dei sieri di individui che erano stati precedentemente infettati e avevano due o tre dosi di vaccino era leggermente migliore, ma ancora fortemente ridotta. Gli individui convalescenti che hanno ricevuto due dosi di vaccino Pfizer-BioNTech, due Moderna o tre Pfizer-BioNTech hanno mostrato rispettivamente gocce di 14, 11 e 13 volte nella neutralizzazione di Omicron.

Gli autori osservano che questi risultati supportano altri rapporti iniziali sull’impatto della variante Omicron sulle risposte immunitarie di individui vaccinati o precedentemente infetti e concludono che potrebbero essere necessari vaccini specifici per Omicron.

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: