Giornale Online Fede e Ragione Direttore Paolo Centofanti

Canale Fede e Ragione

Giornata Mondiale dell’Ambiente: ripristinare gli ecosistemi danneggiati

Giornata-mondiale-ambiente

Giornata Mondiale dell’Ambiente: ripristinare gli ecosistemi danneggiati.

La Giornata Mondiale dell’Ambiente si è svolta dal 4 al 5 giugno 2021, ospitata in questa edizione dal Pakistan. Un evento organizzato in collaborazione con il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente – UNEP, e che ha visto il lancio ufficiale del Decennio delle Nazioni Unite sul ripristino dell’ecosistema, dal 2021 al 2030.

L’evento del paese ospitante – celebrazione del restauro dell’ecosistema da parte del governo del Pakistan

#Generationrestoration: una chiamata all’azione dei giovani

Reimmaginare. ricreare. ristabilire. Gala di lancio virtuale di benvenuto al decennio Onu di ripristino dell’ecosistema

Dal sito web della Giornata Mondiale dell’Ambiente.

Ospitata dal Pakistan  Guidati dal primo ministro pachistano Imran Khan, i relatori dell’evento – tra cui il primo ministro britannico Boris Johnson, il presidente cinese Xi Jinping, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, i capi delle agenzie delle Nazioni Unite e i ministri del governo – hanno sottolineato l’importanza del ripristino negli sforzi globali per mitigare cambiamento climatico e promuovere lo sviluppo sostenibile.

“Il degrado del mondo naturale sta già minando il benessere di 3,2 miliardi di persone, ovvero il 40% dell’umanità. Fortunatamente, la Terra è resiliente. Ma ha bisogno del nostro aiuto. Siamo ancora in tempo per invertire il danno che abbiamo fatto “, ha affermato il Segretario generale delle Nazioni Unite. “Ecco perché, in questa Giornata mondiale dell’ambiente, lanciamo il Decennio delle Nazioni Unite sul ripristino dell’ecosistema. Questo movimento globale riunirà governi, imprese, società civile e privati ​​cittadini in uno sforzo senza precedenti per guarire la Terra. Ripristinando gli ecosistemi, possiamo guidare una trasformazione che contribuirà al raggiungimento di tutti gli obiettivi di sviluppo sostenibile”.

Il Decennio delle Nazioni Unite mira a ispirare e sostenere governi, agenzie delle Nazioni Unite, società civile, aziende del settore privato, giovani, gruppi di donne, popolazioni indigene, agricoltori, comunità locali e individui a livello globale, per collaborare, sviluppare e catalizzare iniziative di restauro in tutto il mondo. Il Decennio mira a mobilitare centinaia di milioni di persone per ripristinare la natura e promuovere una cultura del restauro globale in cui le iniziative di restauro vengono intensificate in tutto il pianeta.

“Questa è un’opportunità per il mondo: nei prossimi 10 anni il mondo deve correggere il suo corso. È uno scontro tra la nostra avidità da una parte e l’umanità dall’altra; ci deve essere un equilibrio tra i due “, ha detto il primo ministro Khan. “Quando questo equilibrio è disturbato e consumismo, consumo e avidità raggiungono un tale livello, questo porta sempre a conseguenze disastrose per l’umanità”.

“Se non ci prendiamo cura del nostro ambiente e dei nostri ecosistemi, ciò avrà gravi conseguenze per l’umanità e dovremo pagare un prezzo elevato per questo”, ha aggiunto.

Il Pakistan ha intrapreso uno sforzo ambizioso per espandere e ripristinare le sue foreste come parte della sua campagna di 10 miliardi di alberi, piantando di recente il suo miliardesimo albero; il paese si è anche impegnato a ripristinare circa 1 milione di ettari di terre degradate in tutto il paese entro il 2023 come parte della Bonn Challenge. Inoltre, il Pakistan ha recentemente lanciato il suo primo green bond, cercando 500 milioni di dollari per progetti rispettosi dell’ambiente per aumentare la quota di energia pulita nel settore energetico del Paese.

“Il ripristino degli ecosistemi è una soluzione straordinaria. Rallenta il cambiamento climatico, riporta la biodiversità perduta, crea terreni produttivi per l’agricoltura, fornisce posti di lavoro e ripristina le riserve naturali contro le malattie zoonotiche e le pandemie “, ha affermato Inger Andersen, direttore esecutivo dell’UNEP.

“Se lavoriamo duramente in quattro aree: ottenere flussi finanziari in sintonia con la natura; proteggere coloro che gestiscono la terra; per rendere verdi le nostre città; e per ripristinare il pianeta blu, guariremo la natura e miglioreremo la vita di tutti “, ha aggiunto.

Altri importanti impegni annunciati in occasione della Giornata mondiale dell’ambiente e del Decennio delle Nazioni Unite includono oltre 8 milioni di sterline in nuovi finanziamenti dal Regno Unito per proteggere la fauna selvatica rara e gli habitat vulnerabili in tutto il mondo; un impegno di 8,5 milioni di euro di Dove e Conservation International per proteggere e ripristinare 20.000 ettari di foresta – l’equivalente di 3 milioni di alberi – nel nord di Sumatra, in Indonesia; un impegno di E.ON, il più grande operatore europeo di reti di distribuzione dell’energia, a creare biotopi sotto 13.000 chilometri di linee ad alta tensione nelle aree forestali; 3 milioni di euro dalla Finlandia per sostenere il lancio di un’azione regionale nei paesi in via di sviluppo nell’ambito del Decennio delle Nazioni Unite e l’annuncio da parte della Germania che sarebbe stato il primo paese a fornire finanziamenti – 14 milioni di euro – al Fondo fiduciario multipartner per il decennio sul ripristino degli ecosistemi.

Lontano da Islamabad, eventi e iniziative della Giornata mondiale dell’ambiente hanno avuto luogo in tutto il mondo, tra cui un concerto virtuale con Patti Smith, la Dave Matthews Band, Michael Stipe e altri artisti internazionali; la prima mondiale di Is It Too Much to Ask, una canzone di DJ Don Diablo per #GenerationRestoration; a Virtual Ecosystem Restoration Classroom, una nuova iniziativa per portare i giovani studenti sudafricani – e non solo – in un viaggio attraverso tre paesaggi unici.

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: