V Day: Luigi Di Maio celebra l’anniversario e critica i media

Video: Luigi Di Maio celebra l’anniversario del V Day, che riunì dieci anni fa a Bologna migliaia di attivisti e simpatizzanti del Movimento Cinque stelle.

Il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio, Ministro del Lavoro e della Sviluppo Economico, in questo video pubblicato ieri sabato 8 settembre 2018 su Facebook vuole fare “il punto su questi 11 anni incredibili”. E critica i media, che a suo avviso sembrano non essersi accorti del grande cambiamento avvenuto in questi anni. E della realtà del nuovo Governo. Dal V Day, afferma infatti, “è cambiato tutto nella politica. Gli unici che non se ne sono accorti sono i media che ci continuano a trattare come 11 anni fa”.

“Dieci anni ! – afferma Luigi Di Maio nel video – Sono passati dieci anni da quel primo V Day a Bologna quando migliaia di persone si ritrovarono assieme per far sentire il loro grido di democrazia. Chiedevamo cose sensate, né di destra né di sinistra, e lo facevamo con lo strumento della legge di iniziativa popolare. Divieto di candidatura in Parlamento per i condannati, in via definitiva o non definitiva, per reati non colposi con pene superiori a 10 mesi e 20 giorni. Limite di due legislature per i parlamentari. Modifica della legge elettorale attraverso l’introduzione del voto di preferenza”.

Il vicepresidente del Consiglio ricorda anche Roberto Casaleggio, fondatore con Beppe Grillo – a cui Di Maio manda un “grande abbraccio” virtuale – del Movimento Cinque Stelle. E spiega che “ci sono tante, troppe cose da fare, e abbiamo perso già troppo tempo a causa di una classe politica arroccata nel palazzo e insensibile alle esigenze delle persone. Dobbiamo restituire agli italiani i diritti che gli hanno tolto, dobbiamo estinguere i privilegi dei politici, dobbiamo eliminare la povertà, dobbiamo far rinascere l’Italia puntando sull’innovazione e facendo rientrare tutti i giovani scappati a gambe levate. E non è impossibile. Nulla è impossibile. Guardate dove siamo arrivati fino ad ora”.

Comments

comments